Benvenuti nel sito ufficiale di Gabriella Chmet

 

Istria

A Stridone

Un anno fa usciva il romanzo “La guerra di Giusto”, il mio ritorno alla narrativa dopo molto tempo. Il libro, dedicato a mio padre, rappresenta la mia opera migliore, la più matura e tecnicamente curata. Il percorso è difficile, lo era e lo sarà. Ricordare questo libro però, il momento in cui l’ho presentato a Trieste, poi in Istria, alla radio, alla stampa, mi riporta emozioni personali molto forti.

la_guerra_di_giusto-1

Sabato 28 ottobre sarò ospite della Comunità degli Italiani di Parenzo, alle ore 18, nel Teatrino della sede. Presenterò la mia opera intera e dialogherò con il pubblico.

Incontro a Parenzo

Al Pordenonelegge il mio libro “La guerra di Giusto”, assieme agli altri volumi di Bianca&Volta.

pordenonelegge

Dalla casa di Stridone lo sguardo si posa sulle Alpi Giulie che si stagliano in lontananza, nella luce ormai incerta che precede il crepuscolo, quando si cerca un contatto con se stessi. Poi la luce scompare, lentamente, inesorabilmente e ci si “sente soli, sul cuor della terra…”. La sera arriva come un soffio di eternità, un momento nel quale solo in questo borgo del cuore e dell’anima mi sento in pace.

SONY DSC

Alpi lontane

SONY DSC

Crepuscolo

La Voce del Popolo, quotidiano storico del gruppo etnico italiano edito a Fiume, mi dedica un’intera pagina nell’edizione del 16 gennaio 2017. La giovane e talentuosa Erika Barnaba scrive un pezzo pieno di sentimento e di emozione riguardo la presentazione de “La guerra di Giusto” a Buie d’Istria, nella Comunità degli Italiani. Un grande onore per me apparire ancora su questo quotidiano che ha segnato la mia infanzia e adolescenza, dove scrivono e hanno scritto voci straordinarie come Nelida Milani e la compianta Ester Barlessi. Un onore simile l’Italia, la Patria di riferimento di noi istriani italiani, non me lo ha mai concesso.

La Voce

La Voce

Sabato 14 gennaio 2017, alle ore 19.00, sarò ospite dell’amata Comunità degli Italiani di Buie con il mio romanzo La guerra di Giusto. Un gradito ritorno a “casa”, alle mie radici, nel quale mi accompagneranno l’editrice Antonietta Benedetti e la lettrice Arlene K. Ocovich che interpreterà alcuni brani del libro. Ringrazio di cuore le amiche Dolores Barnaba e Norma Acquavita per aver reso possibile l’evento. Un ringraziamento particolare alla giovane e talentuosa Erika Barnaba che ha curato nei dettagli il bellissimo manifesto.

15978036_1389670457750029_4512408668408292141_n

Ritrovarsi nella cittadina di Buie, cuore istriano con lo sguardo che punta al mare, mi ricorda l’adolescenza. Quel periodo della vita trascorso tra i banchi di scuola, tra mille crucci su cosa fare nel futuro, tra le frasi scritte con i pennarelli colorati sui diari (all’epoca si usava così), tra le confidenze con le amiche e i primi amori. Buie è questo e molto altro, Buie è il luogo dove le mie radici tanto inquiete trovano la ragione d’esistere e la serenità dell’essere istriana, che spesso è un miraggio, appare possibile. Così mi ritrovo una sera di dicembre, verso la fine dell’anno, con due donne straordinarie: Dolores Barnaba e Norma Acquavita. Le nostre vite sono intrecciate da amicizie passate, conoscenze, esperienze condivise. Tutto è legato a filo doppio in Istria, impossibile districare la matassa e anche inutile, perché il groviglio ci piace, lo amiamo. Sarò ospite a Buie molto presto, presso la Comunità degli Italiani, ma in realtà il mio cuore non ha mai lasciato quei luoghi, attende soltanto che me lo vada a riprendere.

a-buie

Alla Fiera Nazionale della Piccola e Media Editoria “Più libri più liberi”, dal 7 all’11 dicembre a Roma al Palazzo dei Congressi dell’Eur, troverete La guerra di Giusto Focolare Mitteleuropeo nello stand di Bianca&Volta Edizioni.

img-20161207-wa0002

img-20161207-wa0003

img-20161110-wa0004

La guerra di Giusto approda a Udine: alla fiera di grande successo Idea Natale e nella vetrina della prestigiosa libreria Friuli.

idea-natale

A Idea Natale (Udine), La guerra di Giusto assieme agli altri libri di Bianca&Volta.

libreria-friuli

La guerra di Giusto nella vetrina della libreria Friuli di Udine.

La guerra di Giusto è stato presentato con successo alla Libreria Minerva di Trieste. Un ringraziamento a tutti coloro che mi hanno sostenuta: l’editrice Antonietta Benedetti, la libreria Minerva, la giornalista Marisa Macchi, l’attrice Luisa Mari, l’essenziale Antonella Altan e tutti gli amici che hanno creduto in me.

SONY DSC

Con Antonietta Benedetti

Ritornare alla narrativa è stata un’esperienza difficile, complessa, in questo particolare periodo della mia vita. Da tempo avevo promesso questo libro a mio padre, dicendogli che nel momento giusto sarei riuscita a pubblicarlo. Poi la vita ci porta verso percorsi diversi e ci riserva dolori tremendi da gestire. La guerra di Giusto è un romanzo che racconta una vita, una storia al limite, un personaggio affascinante e ribelle che il “secolo breve” ha modellato, nel bene e nel male. Una gangster story che inizia sul fronte orientale della prima guerra mondiale, si sviluppa e si evolve tra Budapest, Vienna, soprattutto Parigi, per poi finire a Trieste. Ringrazio Antonietta Benedetti (Bianca&Volta), che ha creduto in questo progetto e mi ha supportata per mesi, decidendo di pubblicare il romanzo. La splendida copertina che in un’immagine racchiude il senso di un intero libro è opera dell’artista Alessandro Di Sorbo.

copertina

SONY DSC

Tra le rocce di Stridone

Ultime giornate di sole ad inizio autunno, nel Golfo di Capodistria. Una piccola spiaggia di Ancarano, una gettata di cemento screpolato di jugoslava memoria che si contrappone ad un mare azzurro, eterno, luccicante nel sole del pomeriggio, con le barche che si stagliano all’orizzonte. Attimi, momenti fugaci, nei quali le mie radici istriane trovano gli elementi essenziali per sopravvivere.

ancarano1

 

 

ancarano3

ancarano-spiaggia

 

 

 

 

 

Nei dintorni di Volterra, in occasione dell’uscita di Borghi, palazzi e castelli della Toscana. Estate 2016.

 

In edicola con il quotidiano toscano il Tirreno, ad agosto, il mio nuovo libro Borghi, palazzi e castelli della Toscana, un libro storico con magnifiche immagini fotografiche a guida del lettore nella magnificenza rinascimentale di una delle regioni più belle del mondo. Di seguito alcuni estratti del libro.

I paesaggi verdi dell’Istria interna hanno un fascino selvaggio e primitivo, hanno il sapore di una terra che in primavera assume le variopinte tonalità della natura arcaica, dove la presenza dell’uomo è minima. Nascere e crescere in un luogo del genere significa restare intimamente liberi, svincolati dalle lusinghe del “progresso” e, al contempo, legati visceralmente alle radici di quel mondo che i più non conoscono, al richiamo di quei boschi, prati e colline che sono perennemente impressi nella memoria. In pomeriggi soleggiati e miti amo trascorrere delle ore sull’irregolare prato del cortile dietro casa, con il muro a secco che divide la proprietà dal bosco selvaggio, mi piace oltremodo perdere lo sguardo verso l’orizzonte, dove il verde incontra l’azzurro del cielo e gli attimi hanno la solennità di secoli.

La gioia è grande quando nel difficile percorso della vita di uno scrittore, fatto di alti e bassi, di caparbietà e timori, di lettori appassionati e di invidiosi con pochi scrupoli, il cammino si illumina da un dono inatteso. Quest’estate la fiducia del mio editore mi ha consentito di accostarmi umilmente ad uno dei massimi capolavori della letteratura: Il Piccolo Principe di Antoine de Saint-Exupéry. Il libro più letto e tradotto al mondo che ha influenzato generazioni di bambini e adulti, tra le opere più significative della storia della letteratura. Per Editoriale Programma infatti ho curato la traduzione di questo straordinario romanzo che la casa editrice distribuirà a breve. Non so se la vita mi darà soddisfazioni maggiori in futuro, certo è che il lavoro fatto per questa edizione rimarrà una delle più belle esperienze che mai vivrò.

Ci possono essere molti momenti tormentati nella vita di chi trascorre le giornate a scrivere, l’antidoto a quei momenti è quando arriva il libro fresco di stampa e lo si può tenere tra le mani. Eccolo, il nuovo Miti e Misteri dell’Emilia Romagna, scritto con Valentino Bellucci.

In uscita a gennaio il nuovo Miti e misteri, questa volta dell’Emilia-Romagna, scritto in collaborazione con Valentino Bellucci. Una guida ricca di curiosità, aneddoti, leggende e misteri che coinvolge l’intera regione emiliano-romagnola; un viaggio affascinante e misterioso tra le grandi città e i borghi, ricchi di storia e cultura senza eguali. In edicola a gennaio con la Gazzetta di Modena, la Gazzetta di Reggio e la Nuova Ferrara.

Mantova senza il fiume Mincio che dà vita ai laghi e la circonda, la cinge, non sarebbe la stessa; non lo sarebbe senza i fiori di loto che ricoprono i suoi specchi d’acqua, senza i cigni e gli aironi, senza il cuore verde del Parco Periurbano, senza gli alberi dei giardini storici che donano vita ai tanti monumenti e palazzi. Da qui parte il presente volume, dalla storia antica e moderna della città, proseguendo e allargandosi verso la maestosità naturalistica del Parco del Mincio e alla straordinaria simbiosi che la città dei Gonzaga ha con l’acqua e la natura. L’invito dunque è di conoscere una destinazione ricca e affascinante, fatta di scorci sempre nuovi e di ambienti da riscoprire, di lunghe passeggiate e di giri in bici, di navigazione su acque placide, tra le imponenti tracce della storia e la riappropriazione ambientale della natura. Un viaggio da Mantova alle terre del Mincio, tra riserve protette e oasi naturali, costeggiando o navigando sempre il fiume che fa da filo conduttore della narrazione.

In arrivo, l’8 agosto, il nuovo libro per il Trentino Alto Adige “101 Ricette delle Dolomiti”. Un invitante ricettario alla ricerca dei piatti tradizionali delle montagne.

Dal 30 maggio, nelle edicole del Trentino Alto Adige, con i quotidiani “Il Trentino” (Trento) e “L’Alto Adige” (Bolzano), il mio nuovo libro sui manieri e le opere fortificate della Regione: “Guida ai castelli e rocche medievali del Trentino Alto Adige” (Editoriale Programma). Nel volume, corredato di foto, dati storici, curiosità, indirizzi e orari di visita, più di trenta complessi e borghi che fanno dell’area trentina e altoatesina tra le più ricche di castelli d’Europa.

 

Marina Julia, inverno 2016

A Castel Thun (Trentino), estate 2015

 

 

Nei boschi di Stridone. 2015